Aggiornato alle 21:48 - 19/03/2019
Direttore testata online: Peter Gomez

Il fatto quotidiano

“Così il sistema Montante ha usato l’antimafia
Una spada per tagliare le teste ai disobbedienti”

Una “lunga stagione di anarchia istituzionale”, una “deregulation perfino ostentata”, una “promiscuità malata” fra interessi pubblici e privati. E l’antimafia usata come arma: scudo per difendersi da ogni tipo di accusa, spada per decapitare ogni genere di nemico. È così che la commissione dell’Assemblea regionale siciliana definisce il sistema rappresentato da Antonello Montante, l’ex leader di Confindustria Sicilia. Condiderato per anni paladino degli imprenditori che si ribellavano a Cosa nostra, Montante è finito agli arresti

di Giuseppe Pipitone

Grandi eventi sportivi: come organizzarli in modo efficiente e risparmiando

La soluzione di Rossella Bussetti, protagonista da oltre trent’anni del mondo eventi

Elezioni Basilicata, la candidata leghista
Russo blocca il comizio e risponde ai
contestatori: “Io sono fascista!” – video

Pachino, nuova protesta degli agricoltori
“Rovinati da prezzi e maltempo. Politica?
Nessuno ha fatto nulla. Non votiamo più”

Asti Cuneo, Conte e Toninelli
al cantiere: “Fermo dal 2012
Ci assumiamo responsabilità”

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×