1. — Analisi

    di Massimiliano Boggetti *

    Imprese e Mercato

    Dispositivi, Italia ancora al ralenti. Va agganciata la rivoluzione della medicina

    di Massimiliano Boggetti *

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    La nostra spesa pro capite in device ammonta a 189,8 euro rispetto ai 373,2 della Germania e il 246,3 della Francia e ai 212,7 della media europea.
    Oggi la sfida dei moderni sistemi sanitari è quella di garantire il massimo livello d’innovazione in medicina in modo sostenibile. Si può fare. Però, a condizione che si cominci a investire in una Sanità in grado di prevenire oggi anziché curare domani

    Aggiungi ai Preferiti
  2. Rappresentatività sindacale, ecco i dati provvisori Aran per il triennio 2019-21. Chi sale e chi scende
    Lavoro e Professione

    Rappresentatività sindacale, ecco i dati provvisori Aran per il triennio 2019-21. Chi sale e chi scende

    di Ro. M.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Anaao Assomed resta al top ma perde il 2% degli iscritti, pari a 337 unità. Al secondo posto - con circa la metà degli aderenti rispetto ad Anaao - il sindacato dei medici Cimo che incassa invece un incremento del 3% con 237 iscritti in più. Crollo per il Fassid- al terzo posto - che perde per strada 1.188 iscritti con una discesa del -14 per cento. Seguono al quarto posto Aaroi, che scende dell'1%, Cgil medici al quinto con una perdita pesante di 930 iscritti (-13%). Sale invece la Federazione veterinari e medici, che mette a segno un incremento del 7% (+392 adesioni). Sono questi i principali movimenti segnalati per la rappresentatività nei comparti e nelle aree dirigenziali delle organizzazioni sindacali accertate dall'Aran in via provvisoria per il triennio 2019-21.

    Aggiungi ai Preferiti
  3. Il punto di Federspecializzandi sulla formazione medica post-laurea
    Lavoro e Professione

    Il punto di Federspecializzandi sulla formazione medica post-laurea

    di Stefano Guicciardi*

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Negli ultimi mesi si è parlato molto di formazione in medicina e, parallelamente, di formazione specialistica a causa delle carenze evidenziate specificamente in alcuni settori ma riteniamo sia necessario, al di là dei titoli di cronaca, fare chiarezza. Il dossier di Federspecializzandi

    Aggiungi ai Preferiti
  4. Dl Semplificazioni: alt alle farmacie Spa, a rischio gli investimenti
    In Parlamento

    Dl Semplificazioni: alt alle farmacie Spa, a rischio gli investimenti

    di Rosanna Magnano (da Il Sole 24 Ore di oggi)

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Gli impatti degli emendamenti giallo-verdi al Dl Semplificazioni, all'esame del Senato, che per le società titolari di farmacia prevedono la condizione che i soci, rappresentanti almeno il 51 per cento del capitale sociale e dei diritti di voto, debbano essere farmacisti iscritti all'albo. Il testo normativo e i trend della farmacia

    Aggiungi ai Preferiti
  5. BioUpper premia le giovani startup della salute
    Imprese e Mercato

    BioUpper premia le giovani startup della salute

    di Ro. M.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Un device – progettato da Anant – che analizza la pelle per prevenire i tumori cutanei. Un chatbot - ideato da Patch - basato sull’intelligenza artificiale che fa da assistente personale. E un wearable device – progettato da Quickly - collegato a una app, che guida la deambulazione e facilita il lavoro dei fisioterapisti. Sono questi i tre progetti di business premiati da BioUpper, iniziativa che si è conclusa oggi al Mise, promossa da Novartis e Fondazione Cariplo con la partecipazione di Ibm e la collaborazione di Cariplo Factory, che supporta i giovani talenti e le startup nelle Scienze della Vita

    Aggiungi ai Preferiti
  6. Aziende e Regioni

    16° Rapporto Aiop/ Liste d'attesa per 20 milioni di persone. Barbara Cittadini: «A disposizione se si rivedono i tetti di spesa»

    di Barbara Gobbi

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Nel Report Aiop la nuova fotografia delle liste d'attesa e degli accessi impropri al Pronto soccorso. Gli ospedali privati accreditati rinnovano la disponibilità a collaborare con la Salute per riprogrammare l'offerta, soluzione possibile se saranno rivisti i criteri spending fermi al 2012. Coletto: «Patto salute possibile veicolo per una soluzione». Sileri: «Personale priorità assoluta». La sintesi e i dati

    Aggiungi ai Preferiti
  7. Fondi sanitari, Fondazione Gimbe: “Privatizzano la sanità e danneggiano la salute”
    Dal Governo

    Fondi sanitari, Fondazione Gimbe: “Privatizzano la sanità e danneggiano la salute”

    di Rosanna Magnano

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Restituire alla sanità integrativa il suo ruolo originale, ovvero quello di coprire prevalentemente prestazioni non incluse nei Lea; evitare che il denaro pubblico, sotto forma di incentivi fiscali, venga utilizzato per alimentare i profitti dell’intermediazione finanziaria e assicurativa. Sono queste le priorità di un Testo unico di riforma della sanità integrativa che la fondazione Gimbe rilancia in un Report indipendente pubblicato in occasione dell’avvio – lo scorso 17 dicembre - da parte della presidente della commissione Affari sociali della Camera, Maria Lucia Lorefice, di un’indagine conoscitiva sulla sanità integrativa

    Aggiungi ai Preferiti
  8. Elettrosmog/ Da Ambiente, Salute e Miur campagna sui telefonini come chiesto dal Tar Lazio
    Dal Governo

    Elettrosmog/ Da Ambiente, Salute e Miur campagna sui telefonini come chiesto dal Tar Lazio

    di B.Gob.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Dopo anni di «inerzia» i tre ministeri annunciano di voler recepire la sentenza del Tar Lazio (sezione Terza Quater): come richiesto dal Tribunale entro sei mesi partirà una campagna sulle corrette modalità d’uso degli apparecchi di telefonia mobile (telefoni cellulari e cordless) e l’informazione dei rischi per la salute e per l’ambiente connessi a un uso improprio. La sentenza del Tar Lazio

    Aggiungi ai Preferiti
  9. Dl Semplificazione, lavori al ralenti: le novità sanitarie su farmaci e farmacie
    In Parlamento

    Dl Semplificazione, lavori al ralenti: le novità sanitarie su farmaci e farmacie

    di Ro. M.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    I lavori nelle commissioni del Senato sul Dl Semplificazione procedono al ralenti ma le novità sanitarie sul tavolo non sono poche. Prezzi negoziati e calmierati per i farmaci off label ; tempi più brevi per la comunicazione all’Aifa dell’interruzione della commercializzazione di un medicinale nel territorio nazionale; il ritorno del freno «anti-catene» con la soglia minima del 51% sul capitale di società di farmacie in capo a farmacisti iscritti all’albo e maglie più strette sui limiti alla titolarità di farmacia privata, con un tetto massimo del 10% delle farmacie presenti sul territorio regionale

    Aggiungi ai Preferiti
  10. Dal Governo

    Quella «tassa sulla bontà» che rischia di tagliare 70 mln dalla sanità

    di Roberto Caselli e Rosanna Magnano

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Se il Governo non agirà tempestivamente per correggere il tiro, come annunciato, ripristinando le agevolazioni abrogate con la legge di Bilancio, la cosiddetta «tassa sulla bontà» rischia di penalizzare anche la sanità, con un aggravio dell'Ires per le Aziende del Ssn nell’ordine di 60/70 milioni annui

    Aggiungi ai Preferiti
  11. Infermieri, Fnopi: allarme Ue  sulla carenza di organici contro la sfida invecchiamento
    Lavoro e Professione

    Infermieri, Fnopi: allarme Ue sulla carenza di organici contro la sfida invecchiamento

    di Ro. M.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Per superare il gap che divide l'Italia dai principali partner Ue mancano all'appello tra i 50 e i 60mila infermieri. Un allarme carenza rilanciato dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) sulla base dei dati Eurostat. Secondo l'Ufficio Statistico dell'Ue, l’Italia nel 2016 aveva 557 infermieri ogni 100.000 abitanti (negli anni successivi sono diminuiti), mentre sei paesi dell’Unione a 28 tra cui i maggiori partner come Germania e Francia, superavano i mille (dai 1.172 del Lussemburgo ai 1.019 della Francia) e altre sette, tra cui anche il Regno Unito, erano comunque tra i 981 infermieri per 100.000 abitanti della Danimarca e i 610 dell’Estonia

    Aggiungi ai Preferiti